the news say that the end is near

I shut my eyes and all the world drops dead;
I lift my lids and all is born again.
(I think I made you up inside my head.)










Livia. 23. Roma. Psychology student. Occasional artist.

deadlyart:

Slevin Aaron (Poland) - Secret garden

Only don’t tell me you’re innocent. Because it insults my intelligence and makes me very angry.”

dandycapp:

QUADRI CHE DIVENTANO TERRIFICANTI GIF ANIMATE
(10 pics)

Gif animate tratte dal corto “BEAUTY” di Rino Stefano Tagliaferro.
Guarda il video:
http://www.rinostefanotagliafierro.com/beauty_video.html

skeleroots:

cool moments in a cool tree

mashamorevna:

"Look, I am holding up my two hands, and between them is Leningrad. I am holding up my two hands and between them is a black space where Marya Morevna is not speaking. She would like to, because she thinks a story is like a treasure, and can belong to only one dragon. But I make her share; I will not let her have the whole thing. I have this power. I will not let her speak because I love her, and when you love someone you do not make them tell war stories. A war story is a black space. On the one side is before and on the other side is after, and what is inside belongs only to the dead. Besides, what happened between the two hands I am holding up is squeezed between the pages of the books of the dead, which are written on my hands, because I died in that space where Marya Morevna is not speaking.

(Catherynne M. Valente, Deathless)

 

Noi ci si diverte così.

englishsnow:

by 憂鬱な巨人

darkbeautymag:

Photographer/Concept/Model/Retoucher: Margherita Introna

seiseiseitan:

kon-igi:

kon-igi:

Lo sapevate, vero, che anche in Italia ci sono gli scorpioni e che sono moderatamente incazzosi/velenosi?

Questo era sotto un sasso vicino a casa mia.

E adorano farsi un bagnetto nella vasca de lasbronzaconsapevole

Gli scorpioni in Europa appartengono principalmente al genere euscorpius, quello ha tanto l’aria d’essere proprio un euscorpius italicus. Leggevo che la puntura è paragonabile a quella di una vespa, quindi sottolineerei che in quel “velenoso” non è presente il connotato “letale” (che magari, se uno non se ne intende si immagina un attacco di scorpioni ninja saltatori dallo spazio profondo che spruzzano acido e aghi capaci di sciogliere una lastra di cemento armato), a metà strada tra un’ape e un ragno violino, o sbaglio? (nel caso volesse rispondermi, la prego di non allegare foto di punture e robe così, ieri indagando sul violino del ragno violino ho rischiato più volte di perdere i sensi, perdonatemi, non ho lo stomaco quando si parla di punture d’insetto).

Anche sull’incazzoso avrei qualcosa da ridire, l’anno scorso rilevai sul monte Ode, proprio di fronte al Tancia, e nel casolare in cui pernottavamo era molto comune condividere il pavimento con qualche scorpioncino più pavido di un Michael Cera alle Termopili. E ce lo ricordiamo tutti come si è comportato Michael Cera alle Termopili, eh!

Ecco, io però sono una cogliona e la prima cosa che ho fatto è stato andarmi a vedere le punture del ragno violino. Adesso, io solitamente ai reperti medici che fanno impressione resisto bene (vedi: io a Body Worlds super affascinata circondata da amici sull’orlo del vomitino) ma sti bubboni pestiferi stile Don Rodrigo capitolo 33 mi fanno un brutto effetto. Seiseiseitan mi sei costato il pranzo di oggi, che oltretutto era una pizza

74
t.